Resistere agli appelli elettorali

Laboratorio "archeologia filosofica" - 10 febbraio 2018

pdf

Un fantasma si aggira per l’Europa e purtroppo questa volta non è il fantasma del proletariato. La sua sagoma sinistra si staglia dietro le parole ed i lessici, fra i discorsi del nostro quotidiano, fra le congiunzioni dei nostri pensieri. E’ il fantasma di un pensiero dominante, quello neoliberale in crisi, e quindi ancor più micidiale che negli anni della globalizzazione. E tuttavia si tratta di un fantasma in carne ed ossa, incarnato da una classe dominante che impone determinate scelte e determinate pratiche governamentali.

Oggi viviamo in un totalitarismo della classe dirigente. Potremmo definire questa élite come classe dirigente economica, ma la posizione predicativa che l’economico assume in questa formula troverebbe poca pregnanza. Si tratta infatti di gestire e dirigere l’esistente non più secondo il piano gerarchico e ordinativo della sovranità statale o sovranazionale, ma del governo delle vite. Continua a leggere “Resistere agli appelli elettorali”

L’ inoperosità e le sue vie

Pdf

Di Walter Tossici

L’ inoperosità si può ricollegare a un insieme di concetti, in grado di mostrare il contesto in cui va a collocarsi. A prima vista, viene evidenziato il superamento della società disciplinare, che, “ descritta da Foucault, fatta di ospedali, manicomi, prigioni, caserme e fabbriche, non è più la società di oggi. Al suo posto è subentrata da molto tempo una società completamente diversa, fatta di fitness center, grattacieli di uffici, banche, aeroporti, centri commerciali e laboratori di genetica. La società del XXI secolo non è più una società disciplinare, ma è una società della prestazione”.  Il primo bersaglio contro cui si rivolge l’inoperosità si può ricondurre alla “società della prestazione”, intesa dal filosofo sudcoreano Byung-Chul Han come il carattere autentico della società odierna; in quanto tale, i soggetti che la popolano “non si dicono più soggetti di obbedienza, ma soggetti di prestazione. Sono imprenditori di sé stessi”.    [1]

Continua a leggere “L’ inoperosità e le sue vie”